lunedì 26 ottobre 2020

la città oramai

 



       La città oramai

        è un luogo in cui le pozzanghere

        possono stagnare

        senza riflettere nessuno

        se non lampioni e

        qualche timida persona affacciata

        dietro finestre chiuse


        La città oramai

        È sospetto e saracinesche sprangate

        E corrieri e furgoni

        E sguardi torvi

        E nemmeno un sax o una tromba

        Che facciano atmosfera


        La città oramai

        È sentieri solitari d’asfalto

        Con telegiornali ovattati sullo sfondo

        Che cercano una via di fuga 

        Dai monitor e dalle pareti

        È serrature girate a più mandate

        è odio per corrispondenza

        È Signora lascio il pacco

        Sopra il tavolino vicino l’ingresso


        La città oramai

        È solo l’essenziale

        mentre io da incosciente

        adoro il superfluo

        Perché da il senso

        Di quello che siamo realmente

        E realmente i semafori continuano

        A lampeggiare giallo

        Lampeggiare giallo

        Lampeggiare giallo


        La città oramai

        È fermate degli autobus senza panchine

        E persone...

        E poche persone con il collo del cappotto rialzato

        E cuffie bluetooth

        Ma con il laccetto che altrimenti si perdono

        E poi ci sono le persone che si perdono

        Ascoltando musica che arriva dritta al cuore

        Sensazioni violente che non si fermano

        E nemmeno l’autobus si ferma

        Perché è pieno

        E sta iniziando a piovere


        La città oramai

        Ha intorno fabbriche e magazzini

        E fumi che volano liberi

        E macchinari accesi con furia futurista

        E camion che fanno manovra

        E lune opaca

        E container pieni

        E biblioteche vuote

        Con dentro silenzio e carta

        Anche se qualcuno ancora

        sente ridere tra loro

        Ferlinghetti e Fante


        La città oramai

        È poco calpestata

        E da poche persone

        Tubature rotte e birre dentro al frigo

        Come in un western

        Il vento alza mascherine e spazzatura

        Dietro quel velo chirurgico

        Come saranno le labbra

        Che muovendosi

        Ti malediranno?


        La città oramai

        Non ha jazz loft

        Nè parchi giochi

        E i suoi bambini sono messi in standby

        Come un televisore spento

        Ma con la luce rossa

        Mentre i sogni stanno traboccando

        Da cassetti troppo pieni

        Restano però le finestre

        E le rubriche del telefono

        E qualche sguardo imbarazzato


         La città oramai

         È ancora palazzi e cavi dell’antenna

         E portoni e tralicci e parcheggi

         E strisce pedonali e cassonetti

         E tombini e cartelloni pubblicitari


         Ma la città ormai

         È solo palazzi e cavi dell’antenna

         E portoni e tralicci e parcheggi

         E strisce pedonali e cassonetti

         E tombini e cartelloni pubblicitari


         14.10.2020


[Ho scritto questa cosa, un flusso di immagini che si muove a ritmo di jazz. Un ritratto fraudolento di come si sta trasformando la città. L'ho scritta su carta ma andrebbe letta. E quindi senza il minimo senso della vergogna l'ho letta, come in un reading degli anni 50. Senza il fumo che circonda la stanza però perché per mia fortuna ho smesso di fumare già da un po'.]



venerdì 17 luglio 2020

Oonde // Requiem


Girare un video per un brano ambient è sempre stimolante, un po' come la vertigine data da un'enorme libertà.

Riprese effettuato il 05.06.2020 tra le 19.51 e le 20.02 con una Canon 2000d // 18-50 mm presso la costa di Pineto (TE).


domenica 22 marzo 2020

Ancora lì

Dopo aver sudato su ogni fotogramma di Good Time For A Change e averlo visto e rivisto fino alla nausea, con la sua uscita l'avevo messo nel cassetto. Non l'ho più rivisto per anni. Oggi, con l'occasione di averlo reso disponibile su Youtube, ho deciso di rivedermelo. Insomma, a parte l'imbarazzo di trovarci dentro diverse ingenuità soprattutto tecniche, ho avuto la bella sensazione di scoprire che la vitalità del film è ancora lì, intatta. E mi è quasi venuta incontro per abbracciarmi.


Good Time For A Change disponibile su Youtube


A noi che ci occupiamo di intrattenimento questo periodo di crisi crea un vago senso di impotenza. L'unica cosa che possiamo fare è provare a regalare qualche momento di distrazione.

Così, insieme a Manuela e Salvatore, ho deciso di pubblicare gratuitamente su Youtube il film documentario “Good Time For A Change”, girato tra l'Italia e il Canada nell'ormai lontano 2013. Una storia di emigrazione che nasconde tante altre storie fatte di viaggi, incontri, scoperte e libertà, una storia in cui con sguardo scanzonato abbiamo cercato di fotografare un piccolo frammento del mondo occidentale di quelli che ormai potremmo chiamare gli anni '10 del ventunesimo secolo.



Oltre alla versione italiana rendiamo disponibili anche la versione in inglese e quella in spagnolo.

LINK (english version): https://youtu.be/ZOZ2poRBW3o

LINK (versiòn espaňola): https://youtu.be/0L8sQlNw8mE


Spero vi faccia piacere.